Tutta la raffinatezza dell’Oriente nel tuo bagno

Come arredare il bagno in stile orientale

In Giappone, fin dall’antichità, il bagno è considerato il luogo più intimo della casa, una sorta di santuario dove affinare il rituale della pulizia quotidiana per raggiungere la perfezione. Per rievocare questa atmosfera e arredare il bagno in stile orientale serve però qualche accorgimento mirato che parte dalle ispirazioni di design, per tradursi in scelte di colore, complementi d’arredo e accessori: pochi ma d’effetto.

Non va dimenticato, infatti, che un bagno in stile orientale dovrebbe essere minimal, meglio se caratterizzato da linee pulite, angoli marcati e luce naturale in abbondanza, quando possibile. Come insegnano i saggi zen non c’è spazio per disordine o fronzoli, che corrono il rischio di distogliere l’attenzione dalla ricerca del puro relax.

Per questo gli asiatici preferiscono orientarsi su materiali naturali come il legno chiaro degli alberi o le mattonelle scure, che rievocano i ciottoli sul letto di un fiume o la nuda pietra.

Senza eccessi o fantasie troppo elaborate, il consiglio è poi quello di tinteggiare il bagno in stile orientale con una palette di colori neutri come il bianco, il tortora o il grigio perla, che contribuiscono a creare un’atmosfera di serenità. Di segno opposto ma molto apprezzata è anche la scelta di usare il nero come tonalità predominante, per dare vita a contrasti soffusi tra rivestimenti e pareti, sfruttando anche i giochi di luce.

Un modo originale per decorare la stanza lasciandosi ispirare dai paesaggi asiatici è quello di utilizzare particolari in bambù: con i fusti vuoti si possono realizzare scenografici separè, per un bagno eco-friendly.

Si consiglia poi di profumare l’ambiente con essenze aromatiche alla frutta fresca o alle piante che stimolano il buonumore, come il basilico e le arance sanguinelle.

L’elemento più importante della stanza è la vasca

Lo abbiamo lasciato per ultimo proprio perché è l’elemento più importante del bagno in stile orientale. La regola d’oro stabilisce che non importa quanto spazio si abbia a disposizione, purché ne avanzi a sufficienza per installare una vasca in cui immergersi per fare un bagno rigenerante.

I modelli che vanno per la maggiore sono due: quelli a base rettangolare e bordi bassi oppure quelli che ricordano un guscio d’uovo a metà, diventati negli ultimi anni un vero oggetto di design. Anche per la vasca i materiali più utilizzati sono il legno o la pietra, ma è possibile trovarla anche in ceramica.

I profili Sanibord

A questo proposito, noi di Profilpas abbiamo pensato a una linea di profili tecnici ideali come raccordo tra rivestimenti in ceramica e i sanitari.

Sanibord BH/20 e BP/20

> Scopri di più sui nostri profili per bagno

Per dare il tocco finale in una stanza in stile asiatico mettiamo allora a disposizione Sanibord BH/20 e BP/20 da applicare tra il rivestimento e la vasca o il piatto doccia. Questi profili, disponibili in alluminio verniciato o PVC bianco, consentono di evitare l’utilizzo del silicone per la sigillatura e, oltre al beneficio estetico, assicurano un elevato livello igienico nel tempo.

Il profilo Sanibord BH/20 è dotato di tecnologia antibatterica certificata che permette la riduzione dei batteri considerati più pericolosi fino al 99%. Una garanzia di qualità che renderà il bagno in stile orientale il tempio del relax all’insegna della massima igiene.

Il modello Sanibord BP/20, inoltre, è particolarmente indicato per l’installazione tra rivestimenti e sanitari già posati. In questo modo anche chi interviene su un bagno già esistente può farlo con la garanzia di utilizzare profili solidi e resistenti.

Contattaci per ricevere altre informazioni su Sanibord!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *