Posa del pavimento su un pavimento esistente

Quando si decide di ristrutturare una casa o di rinnovarne l’aspetto, spesso la prima operazione che si compie è la sostituzione della pavimentazione. Ma come si esegue la posa di un pavimento su un pavimento esistente senza dover quindi rimuovere tutte le piastrelle già presenti?

Con la sostituzione della pavimentazione si può davvero far mutare il volto a qualsiasi ambiente, rendendolo più vicino ai propri gusti o più attuale: proprio per questo motivo pavimentare su un pavimento esistente è uno dei lavori che vengono eseguiti abbastanza di frequente, soprattutto quando la casa non è ancora arredata! 😉 Senza contare, ovviamente, che la posa del pavimento su un pavimento esistente ha un costo inferiore rispetto ad un intervento che preveda la rimozione completa delle piastrelle e la sostituzione con quelle nuove.

In ogni caso, l’operazione di pavimentare su un pavimento esistente prevede anche che si prendano alcune precauzioni: prima di tutto la pavimentazione esistente deve essere in buono stato. Questo permette di non pregiudicare la buona riuscita del nuovo lavoro. Per lo stesso motivo, successivamente, sarà necessario preparare il piano di posa pulendolo al meglio con i prodotti più adeguati a seconda del materiale con cui è realizzato. Dopodiché si potrà procedere con la vera e propria posa del pavimento sul pavimento esistente.

Il pavimento sottostante deve essere senza avvallamenti o crepe e il fondo deve essere ben aderente al massetto. In caso contrario esistono in commercio dei prodotti liquidi auto livellanti che consentono anche di fissare eventuali piastrelle mobili. L’importante è che il danno non sia troppo esteso. A questo punto si può procedere come se si dovesse posare il pavimento direttamente sul massetto con la differenza che, nel caso delle piastrelle, si utilizzano delle colle specifiche.

→ Leggi qui la nostra guida alla posa delle piastrelle!

Pavimentare su un pavimento esistente comporta anche spesso la presenza, al termine del lavoro, di alcuni “scalini” di diversa altezza che possono essere presenti tra una pavimentazione e l’altra. In questo caso diventa fondamentale l’utilizzo di profili per pavimenti di differente livello.

→ Scopri qui tutte le caratteristiche e i modelli dei profili per pavimenti di differente livello!

Profili per Pavimenti di Differente Livello - Pronivel

Profili per pavimenti di differente livello – Pronivel

L’antiestetica e pericolosa presenza di uno scalino tra due tipi diversi di pavimentazione può essere risolta attraverso la gamma completa Profilpas di profili per pavimenti di differente livello, tutti realizzati a sezione inclinata per permettere di raccordare pavimenti con quote diverse e prodotti in acciaio, ottone e alluminio: Pronivel grazie alla caratteristica sezione inclinata, permette di raccordare le differenze di livello tra le superfici; Prolevel, da applicare successivamente alla posa, è in grado di compensare dislivelli tra 6,5 e 16 mm. Infine Prolock ed Eurosystem Thin: il primo è una linea di profili deformanti particolarmente adatti come terminali per la moquette, il secondo è una linea di profili per LVT e pavimenti a basso spessore da 4 a 6,5 mm; prodotti in alluminio anodizzato sono disponibili a richiesta con rivestimento personalizzato Alcrom® Plus.

Profili per Pavimenti di Differente Livello - Prolevel

Profili per pavimenti di differente livello – Prolevel

Contattaci per ricevere maggiori informazioni sui profili per pavimenti di differente livello e sul loro utilizzo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *