Posa del pavimento flottante: come fare?

La posa di un pavimento flottante è un’operazione delicata anche se non impossibile, che per riuscire nel migliore dei modi ha bisogno dei giusti strumenti. Parlando di come posare un parquet flottante vi sono sicuramente pochi dubbi sul fatto che servano precisione, pazienza e gli attrezzi giusti.

Tra gli attrezzi che è necessario avere vi sono ovviamente quelli per la sicurezza personale, quindi occhiali e guanti; un martello, ovviamente di gomma; una squadra, per non sbagliare allineamenti e disposizioni; un seghetto per le rifiniture e le pose ai bordi; un metro e una livella, per non trovarsi con brutte sorprese sul piano dell’equilibratura del pavimento e un paio di forbici. Per quanto riguarda il materiale, oltre alle tavole di legno non si può prescindere dal cosiddetto materassino da posizionare sotto al pavimento per attutire i suoni ed evitare problemi di rumorosità derivanti da zone in cui le tavole non sono perfettamente aderenti al piano di appoggio.

La posa del pavimento flottante può a questo punto cominciare. La prima cosa che occorre verificare con la livella, prima dell’inizio della posa del parquet, è che il fondo di riferimento sia uniforme e asciutto: guai a posare su superfici umide! I materassini invece vengono venduti in rotoli da dieci metri per un metro ed è quindi necessario collegare i vari pezzi di materassino con un nastro adesivo, possibilmente tecnico.

→ Scopri i nostri consigli su come posare le piastrelle!

Abbiamo detto che possiamo cominciare ma come posare un parquet flottante senza combinare guai? Partendo da un angolo di una stanza assicuratevi di mantenere lo spazio necessario per la dilatazione delle tavole di legno, da stabilire nell’ordine di non meno di mezzo centimetro. Fatto questo le tavole devono essere incastrate tra di loro con qualche colpo di martello (di gomma, sia ben chiaro!).

Nei punti in cui il pavimento deve essere interrotto, nei passi delle porte o nei cambi di stanza, è necessario l’inserimento di profili di giunzione, che facciano in modo che la posa del pavimento flottante sia sempre perfetta tenendo conto anche del fenomeno della dilatazione. In questo senso i prodotti Profilpas rappresentano la massima eccellenza. In particolare con il sistema Unisystem Plus, pensato appositamente per permettere la naturale dilatazione, la posa sarà facile e precisa.

Il profilo di base deve essere fissato con delle viti o dei collanti ma ce ne sono per tutte le esigenze: i profili di giunzione di pari livello, quelli per differenti livelli (tra i pavimenti di due stanze), quelli terminali (per far terminare il parquet in modo elegante, come in cucina, quando per esempio si fa terminare il legno un metro prima di lavandino e forno), quelli perimetrali e quelli paragradino.

La posa del pavimento flottante viene eseguita a regola d’arte con i profili Unisystem Plus che rappresentano la naturale evoluzione dei prodotti Profilpas grazie agli innovativi tasselli in teflon che sono più rapidi da posare ma anche più facili da rimuovere in caso siano necessari interventi sul pavimento.

Contattaci se desideri ricevere una consulenza per la posa del tuo pavimento flottante!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *