Arredare il monolocale dei sogni in pochi semplici passi

Prima il progetto e poi l’arredo

Tra le tipologie di abitazione più pratiche e in voga, soprattutto nelle grandi città, c’è sicuramente il monolocale, un ambiente che si presta bene al concetto di casa multifunzionale. Tornato alla ribalta come soluzione per le persone che non hanno famiglia e che, al tempo stesso, rifiutano opzioni in condivisione, questo modulo abitativo pone ai suoi abitanti la sfida di valorizzarne al meglio gli spazi. Come arredare il monolocale, dunque, passa attraverso una serie di scelte precise che, innanzitutto, richiedono delicate valutazioni sul fronte degli impianti.

Se l’intervento nell’appartamento è strutturale, infatti, sarà necessario concordare con un professionista del mestiere la posizione del blocco bagno/cucina e relativi scarichi. Una volta assolto questo fondamentale passaggio, è il momento di definire le funzioni da associare a ciascuna zona del monolocale.

 

I segreti per dividere gli spazi

Nei progetti moderni, sempre più spesso, si coglie il tentativo di dividere gli spazi senza ricorrere al posizionamento di pareti, per sfruttare tutto il potenziale dell’open space. Un’esigenza che strizza l’occhio alla possibilità di dare un confine a ciascun ambiente per poter ospitare amici e ricevere ospiti, o anche solo sentirsi a proprio agio nella fruizione quotidiana della casa.

Diverse funzioni svolte nella stessa stanza comportano la necessità di dividere gli spazi al meglio, a partire dalla base, ovvero dalla pavimentazione. L’idea di separare la cucina dalla zona letto o dal salotto con superfici in materiali differenti, per esempio, può essere un ottimo spunto su come arredare un monolocale in modo da renderlo multifunzionale. In quest’ottica ci sono moltissime combinazioni che si sposano alla perfezione; come il parquet e le mattonelle in ceramica opaca, il cui effetto di contrasto risulta convincente.

Come arredare un monolocale significa anche ricorrere ad alcuni escamotage. Se, per esempio, si è alla ricerca di un complemento divisorio leggero ma scenografico – in sostituzione di una parete in muratura – si può optare per un telaio in ferro con porzioni a vetro.

→ Scopri i profili per pavimenti di pari livello! 

Ancora, trovare una soluzione al ricorrente problema della carenza di spazi è facile se ci si affida a mega cassetti capienti, da far installare in un angolo non troppo visibile della casa, magari sotto il letto. In cucina, invece, si possono sfruttare al meglio le altezze con pensili fino al soffitto.

Ancora qualche consiglio di stile per rendere charmat un monolocale? Scegliere arredi multifunzionali e a scomparsa, in modo da utilizzarli solo quando servono davvero. I colori, poi, contano, tanto più in uno spazio concentrato. La bicromia, ovvero l’accostamento di due toni, di solito ottiene molto successo.

Projoint T

La linea Projoint T

Un tocco di stile all’interno del monolocale può essere donato dalla linea Projoint T ideata da noi di Profilpas, che propone profili per la separazione di pavimenti di pari livello e di diverse tipologie di materiali, come ceramica, marmo, granito o parquet.

La scelta dei materiali, in particolare, spazia dall’alluminio fino all’acciaio e all’ottone.

Oltre a sottolineare il passaggio da un ambiente all’altro in modo raffinato, questo modello è perfetto per sopperire ad eventuali dislivelli dovuti all’accostamento di pavimenti di diverso materiale, ancorandosi senza problemi con sigillanti o adesivi.

Contattaci per ricevere altre informazioni su Projoint T!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *